Artemia salina: caratteristiche, acquario, allevamento, alimentazione e usi

Artemia salina: caratteristiche, acquario, allevamento, alimentazione e usi

 

L’Artemia salina è uno dei crostacei d’acqua salata in assoluto più diffusi in acquaristica. E’ stata ed è tutt’ora una specie di fondamentale importanza per la crescita di avannotti di molte specie di pesci d’acqua dolce e marina. Non solo: confezionata congelata in blister può diventare un surrogato comodissimo del cibo vivo per specie particolaremente esigenti.

 

foto web

 

 

1. Artemia salina in sistematica

 

Nella sistematica Artemia salina  appartiene all’ordine anostraca e subphylum crostacea.

 

In particolare gli anostraci sono antichi organismi tipici di ambienti estremi, come bacini iperalini o pozze d’acqua piovana a carattere stagionale. In acqua dolce, infatti, esistono varie specie di simil Artemia, chiamate comunemente artemie d’acqua dolce o fairy shrimps, sono scientificamente classificate come membri dei generei Streptocefalus, Branchinella etc.

 

 

2. Forme, dimorfismo e dimensioni dell’Artemia salina

 

Al contrario dei più noti gamberetti d’acquario, l’Artemia salina si muove con il dorso rivolto verso il basso e gli arti locomotori all’insù. Il tipo di nuoto è continuo e non a scatti, poichè lo spostamento è generato dalla rapida successione di piccoli movimenti di numerose estremità specializzate unicamente per creare un flusso d’acqua di propulsione.

 

Il maschio adulto si distingue da giovanili e femmine per l’imponente mandibola. Essa funge da gancio per fissarsi alla femmina durante l’accoppiamento. Questa possiede di frequente una sacca di uova vicino alla coda – telson. Il colore è tendenzialmente bruno.

Le dimensioni massime si attestano sulla decina di millimetri in media, ma pare che esemplari allevati con alternanza stagionale crescano di più.

 

 

3. Allevamento dell’Artemia salina: acquario, boccia o produzione intensiva

 

L’Artemia salina si può allevare in molti modi differenti. In acquario, in una comune boccia o in contenitori attrezzati per una produzione intensiva.

SONY DSC
foto web