Tanichthys albonubes​

Tanichthys albonubes​

Cenni generali

Specie: Tanichthys albonubes
Nomi comuni: pesce di Tan, pesce della montagna della nuvola bianca.
​La forma selvatica raggiunge appena i 4 cm, mentre la varietà pinne a velo è leggermente più lunga. La livrea è piuttosto vivace e risalta la linea laterale di color argento brillante. Sotto la linea la colorazione è rossa/grigia nel maschio e prevalentemente grigia nella femmina. Le pinne sono trasparenti, tendono comunque al giallino ed appaiono con le estremità rosse nel maschio. Il peducolo caudate presenta una piccola macchia nera.

Distribuzione e habitat

T. albonubes è originario di Cina e Vietnam, dove popola acqua prevalentemente limpide, sia mosse che stagnanti, spesso ricche di vegetazione acquatica. Non ama la luce troppa intensa, preferisce aree ombreggiate ed altre libere per il nuoto.

Acquario o laghetto e valori dell’acqua

Il Tanichthys si può allevare in acquari, anche di medio-piccole dimensioni ma sviluppati preferibilmente in lunghezza, oppure in laghetto.
Il movimento dell’acqua non è necessario; in natura questa specie abita sia acqua moderatamente correnti che quasi stagnanti.
​Sono pesci d’acqua temperata, tollerano un breve periodo di gelo durante il quale si riparano sul fondo del laghetto, e sopportano anche le calure estive, preferendo comunque una temperature massima non oltre 26/28°C.
Possono vivere sia in acqua basiche che leggermente acide.

Comportamento e compatibilità

T. albonubes è un pesce abbastanza pacifico e gregario. Può trovarsi a proprio agio anche in piccoli gruppi, ma si riunisce preferibilmente in grandi banchi.

Possono convivere con altre specie dell’Asia sudorientale temperata, inclusi Carassius, cobiti, Oryzias etc

Alimentazione

Si nutre volentieri di piccoli insetti, larve e crostacei.
Occasionalmente può cibarsi di uova e  avannotti molto piccoli, mentre raramente è interessato a piante o alghe.

Riproduzione

Il dimorfismo sessuale è poco evidente. Le femmine sono generalmente più tozze, mentre i maschi appaiono con colori più vivaci. Non è comunque facile distinguere i sessi.

Questa specie solitamente non presenta grandi difficoltà nella riproduzione.

Le uova vengono rilasciate in colonna e cadono sul fondo e sulle piante, per schiudersi impiegano 2-4 giorni a seconda della temperatura.

Gli avannotti di Tanichthys albonubes sono molto piccoli e si nutrono quasi esclusivamente di micro fauna. Per i primi giorni tendono a restare fermi in posizione verticale, per consumare il sacco vitellino. Successivamente iniziano a cacciare microrganismi, dopo qualche giorno sono in grado di nutrirsi di nauplii di Artemia e solo dopo qualche settimana accettano il mangime secco.
Per farli crescere rapidamente consiglio di abbondare anche con cibo surgelato (Chironomus, Artemia).

Author: Matteo Rancan

Titolare Rancan Org & RORG partnership + web site